Il colosso anglo-svedese brinda a conti super anche se il vaccino “low cost” ha comportato introiti ridotti. Al giro di boa la multinazionale di Oxford, tra le prime a sviluppare un farmaco anti-Covid, ha registrato una crescita dei ricavi del 23%, oltre i 15 miliardi di dollari.

Fonte: IlSole24Ore