La famiglia si è rivolta alla Corte di giustizia Ue denunciando «omissioni di interventi» e «condotte pregiudizievoli» nell’esercizio delle funzioni di vigilanza

Fonte: IlSole24Ore